Samsung Galaxy Note 4: ecco 7 possibili feature

20 Jun 2014 03:22
Tags

Back to list of posts

L’estate è ormai arrivata e se quasi tutti i produttori di smartphone hanno già presentato i propri top di gamma per questo 2014 i rumors non mancano per i dispositivi che verranno lanciati in autunno. Uno di questi sarà il protezione schermo samsung s4: ecco 7 possibili feature che troveremo a bordo del futuro “phablet” di casa Samsung.
Il Samsung Galaxy Note 4 sarà il quarto dispositivo di una serie davvero fortunata che ha creato una nuova fetta e tipologia di mercato per quanto riguarda gli smartphone: i cosiddetti “phablet“, ovvero una via di mezzo tra smartphone e tablet, per via dei display decisamente ampi che montano. Questo dispositivo sarà annunciato come per le precedenti generazioni in autunno, più precisamente a settembre (salvo cambi di programma) ed è già da ora sicuramente tra i device più attesi per quanto riguarda la fine dell’anno.
Sta diventando quasi assurda la corsa verso display sempre più grandi e risoluti per gli smartphone da parte dei principali produttori, ma è una realtà che c’è ed esiste, e nonostante gli smartphone con display Full HD abbiano una risoluzione decisamente ottima LG con il suo G3 (recentemente annunciato) si è spinta oltre presentando un telefono con un schermo QHD: ovvero con una risoluzione pari a 1440 x 2560 pixel. Quasi certamente, questa risoluzione la vedremo anche sul protezione schermo samsung galaxy s4, che manterrà le stesse dimensioni del precedente (dunque un display con tecnologia AMOLED da 5,7 pollici).
Il Samsung Galaxy S5 (annunciato questa primavera) vanta sicuramente una delle migliori fotocamere mai viste su uno smartphone e il Samsung Galaxy Note 4 di certo non sarà da meno: quasi certamente avrà un sensore da 16 megapixel (come quello dell’S5) e potrà registrare video a risoluzione 4K. Tra le altre cose, gli appassionati sperano nella stabilizzazione ottica dell’immagine, ma nulla è ancora certo; mentre la fotocamera frontale verrà sicuramente migliorata per dar campo libero alle “selfie“.
Il tanto atteso Qualcomm Snapdragon 805 potrebbe equipaggiare il Samsung Galaxy Note 4. I primi smartphone con questo chip saranno lanciati solo ora ed entro l’autunno Qualcomm non presenterà sicuramente nessun nuovo processore: il Note 4 dunque potrà avere una CPU con clock a 2,7GHz e una GPU Adreno 420. Come sempre, tuttavia, Samsung venderà una variante del suo Note 4 in alcuni mercati selezionati (solitamente in Corea) e questa versione potrebbe montare il chip Exynos 5433.
Proprio come il Samsung Galaxy S5, il Note 4 sarà quasi certamente resistente all’acqua e alla polvere, e sarà dotato quindi di certificazione IP67: tradotto, il Galaxy Note 4 potrà resistere senza problemi alla polvere e all’immersione in acqua fino a un metro per 30 minuti.
Proprio come sul Galaxy Note 3 e sul Galaxy S5, il Note 4 non cambierà strada per quanto riguarda il connettore USB: quest’ultimo sarà dotato della tecnologia 3.0 per un trasferimento dati più veloce con i pc supportati. Tuttavia non è ancora chiaro se Samsung offrirà nella confezione un classico cavo USB 2.0 (come nel caso del Galaxy S5) o un cavo USB 3.0 (come per il Galaxy Note 3).
Samsung è stata fin da sempre cauta nell’apportare cambiamenti alla sua interfaccia Android proprietaria: la TouchWiz. Con il Galaxy S5, tuttavia, qualcosa si è mosso: l’interfaccia ha ora uno stile più flat e minimale, e sono state eliminate tante cose superflue che appesantivano il sistema. Quasi certamente, troveremo la nuova TouchWiz anche sul Galaxy Note 4, personalizzata ovviamente con le feature destinate all’uso con S-Pen.
Il Galaxy S5 ha rappresentato sotto certi aspetti una piccola svolta per Samsung per quanto riguarda i materiali della back cover: dalla finitura lucida che ha caratterizzato tutta la serie Galaxy S si è passati ad una back-cover perforata gommata, più piacevole e solida al tatto. La parte frontale del Galaxy Note 4 sarà dunque simile al Galaxy S5, e anche la back-cover potrebbe esserlo: ma non si sa mai che Samsung decida di fare le cose in maniera diversa proprio come avvenuto lo scorso anno con il Galaxy S4 e il Galaxy Note 3.

Comments: 0


Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License