Recensione msi wind u135-Tinydeal

13 Nov 2013 09:26
Tags

Back to list of posts

Dopo il rilascio dell’ultima piattaforma Intel Atom sono numerose le case produttrici che si sono affrettate ad introdurre sul mercato i refresh delle loro serie di netbook: MSI, una delle protagoniste del settore, è stata fra i primi con un'intera gamma di laptop low cost, fra cui figura anche il nostro Wind U135.
Infatti a dicembre 2009, a poche ore dall'annuncio del chipmaker californiano, facevano il loro esordio i netbook quad-core tablet MSI Wind U130, U135, U140 e U160 con l’ obiettivo di replicare il successo ottenuto dai predecessori della stessa serie.
Il modello U135, oggetto di questa recensione, è caratterizzato da un chipset Intel NM10, processore Intel Atom N450, chip grafico integrato Intel Graphics Media Accelerator 3150, Windows 7 Starter, modulo WLAN 802.11b/g/n e opzionalmente supporto Bluetooth e 3G. Insieme all’U130 deriva direttamente dal primo Wind U100, un netbook che insieme ad EeePC ed Aspire One ha fatto la storia di questa categoria di PC portatili.
Se la linea richiama quella del primo Wind U100, cambia invece la concezione e l'organizzazione dello spazio interno al case. Le differenze coinvolgono la piattaforma hardware sotto più profili: passando ad una soluzione dual-chip si è potuto avere un notevole miglioramento in fatto di autonomia della batteria, ma si è intervenuto anche su tastiera e touchpad per renderli più comodi all’utilizzo.
La quotazione della configurazione top di gamma U135-094IT, nel momento in cui scriviamo, è di 323 euro IVA inclusa e comprende una batteria a 6 celle, hard disk magnetico da 250GB e garanzia di 2 anni “pick up & return”. E' disponibile anche una versione più economica con hard disk da 160 GB, batteria a 3 celle e Windows XP Home Edition, contrassegnata dal seriale U135 609IT (U135 609IT2 se volete un upgrade a 2GB di RAM) e posizionata nel range dei 250-300 euro.
Durante il CES 2010 di Las Vegas è stata annunciata anche una configurazione equipaggiata con il sistema operativo open source SuSE Moblin.
Ne deriva un notebook eclettico capace di spaziare senza difficoltà dal lavoro d'ufficio all'intrattenimento domestico, grazie ad una dotazione hardware particolarmente completa e al fattore di forma da 12 pollici wide. Sul primo versante tornerà sicuramente molto utile il lettore di impronte digitali integrato che, in combinazione con il modulo TPM (Trusted Platform Module), consentirà di accedere al notebook e ai propri documenti riservati con una semplice pressione dei polpastrelli sullo scanner, senza più il bisogno di ricordare username e password.
Sotto il profilo multimediale, invece, va sottolineata la presenza dell'interfaccia Sito ufficiale HDMI (High-Definition Multimedia Interface), per trasferire l'output video su un televisore esterno in alta definizione con lamassima qualità digitale.
Il PR210 fornisce,inoltre, un innovativo Microfono AI Array in grado di annullare i rumori ambientali e il riverbero. AI Array MIC usa un sistema innovativo nel gestire la voce, creando una sorta di cono 3D di fronte al PR210: tutto ciò che si trova al di fuori di questo cono verrà automaticamente annullato. Una soluzione perfetta per chi usa Skype o durante una teleconferenza, in combinazione con la webcam integrata da 1.3 megapixel.
Le features per l'intrattenimento digitale sono completate dal sintonizzatore DTV, che permetterà di vedere e registrare i propri programmi TV preferiti direttamente sul portatile. Sottolineamo l'originalità di una dotazione di questo tipo su un ultraportatile.
Il sistema è mosso da un processore AMD Turion 64 X2, una scelta indubbiamente coraggiosa in un periodo di incontrastato dominio delle piattaforme mobili Intel. In aggiunta, il PR210 offre un card reader 4-in-1, una porta IEEE1394 e un masterizzatore Muti-DVD.

Comments: 0


Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License